gralon
Riduzione Nascosta: Come Contrastare Le Pratiche Commerciali Ingannevoli?

Riduzione Nascosta: Come Contrastare Le Pratiche Commerciali Ingannevoli?

Rivelata più di un anno fa dall'associazione Foodwatch, la shrinkflation è una pratica commerciale sleale, che sarà presto segnalata sugli scaffali con un cartellino. Vi spiegheremo esattamente in cosa consiste e come evitare gli imballaggi ingannevoli quando fate la spesa.

La shrinkflation o l'arte di vendere il vuoto.

Si è sentito molto parlare di shrinkflation nei media negli ultimi mesi. Se non sapete cosa significhi questa strana parola, notate che questa pratica commerciale, chiamata anche riduflazione in francese, consiste nel ridurre la quantità di un prodotto senza abbassarne il prezzo.

Concretamente, l'imballaggio del prodotto non cambia ma la quantità venduta diminuisce, mentre il prezzo rimane identico o addirittura aumenta. Anche se questa pratica non è illegale, è stata denunciata dall'associazione Foodwatch perché il consumatore non può rilevarla al momento dell'acquisto.

Come consumatore, siete vittime di un inganno, poiché pensate di acquistare lo stesso prodotto di sempre. Ma in realtà, l'imballaggio contiene meno prodotto e più vuoto!

Un obbligo di informazione a partire dal 1° luglio 2024

Di fronte a questa constatazione, il governo ha deciso di imporre una maggiore trasparenza sulle pratiche di alcuni produttori per nascondere un aumento dei prezzi. A partire dal 1° luglio 2024, i supermercati sono obbligati a informare i consumatori quando la quantità di un prodotto diminuisce e viene venduto a un prezzo identico o superiore.

Questo obbligo di segnalare la shrinkflation si applica nei negozi con una superficie di vendita superiore a 400 metri quadrati, durante i primi due mesi di commercializzazione del prodotto in questione. I piccoli negozi di città sono esenti da questo nuovo obbligo di trasparenza.

Per quanto riguarda i prodotti, questa regolamentazione interessa i prodotti preimballati di largo consumo, in particolare le derrate alimentari e i prodotti non alimentari venduti in quantità costante, come i prodotti per la pulizia della casa o i prodotti per neonati.

Una visualizzazione più chiara per i consumatori

A partire dal 1 luglio 2024, i prodotti di largo consumo interessati dalla shrinkflation saranno segnalati a scaffale tramite un cartellino posizionato nelle vicinanze o attraverso un'etichetta applicata direttamente sulla confezione del prodotto.

La dicitura informativa avrà la seguente forma: “Per questo prodotto, la quantità venduta è passata da X a Y e il suo prezzo (al litro o al chilo) è aumentato del …% o di …€.”

Questa nuova indicazione obbligatoria dovrà essere esposta in modo visibile e leggibile nello scaffale, con la stessa dimensione del carattere usata per indicare il prezzo del prodotto.

Ogni inadempienza a queste nuove obbligazioni sarà punita con una multa massima di 3000 € per le persone fisiche o 15.000 € massimi per le persone giuridiche.

Una regolamentazione che potrebbe essere elusa.

Anche se questa nuova regolamentazione rappresenta una vittoria per l'associazione Foodwatch, è probabile che i consumatori non vedranno una grande differenza nei supermercati.

Le etichette che segnalano la shrinkflation non dovrebbero spuntare sugli scaffali. Infatti, i grandi marchi dispongono di numerosi formati che permettono loro di modificare il peso dei loro prodotti a piacimento, senza incorrere in questa regolamentazione.

I produttori non esitano a rinnovare completamente le loro gamme, con contenitori più piccoli o più grandi, per disorientare il consumatore e aumentare i prezzi quasi di nascosto…

L'unico modo per evitare tutte queste trappole per l'acquirente consiste nel riferirsi sempre al prezzo al chilo o al litro.

Attenzione alla cheapflation!

Ora che la shrinkflation non passerà più completamente inosservata, gli industriali potrebbero ricorrere a un altro stratagemma per preservare il loro margine. Invece di giocare sulla quantità di prodotto venduto, potrebbero modificare la sua composizione.

Per ridurre i costi, è infatti possibile sostituire un ingrediente nobile con un altro meno costoso o giocare con le proporzioni, diminuendo la quantità degli ingredienti più cari e aumentando quella dei meno costosi. Questa altra pratica insidiosa si chiama cheapflation.

Foodwatch ha ad esempio rivelato che il marchio Le Gaulois ha discretamente diminuito le proporzioni di pollo ed emmental nei suoi cordon bleu e aumentato la proporzione di panatura... Questo trucco non è illegale ed è ancora più difficile da rilevare per i consumatori.

Per non farsi troppo ingannare, controllate sempre l'elenco degli ingredienti. Più un ingrediente appare all'inizio dell'elenco e maggiore è la sua quantità. In generale, è meglio evitare i prodotti industriali la cui lista di ingredienti è lunga e comprende più di 5 additivi alimentari (con un codice E...). Gli elenchi di ingredienti interminabili sono il segno di alimenti ultra trasformati nocivi per la salute.

Autore: Audrey
Copyright immagine: Tiia Monto
In francese: Shrinkflation : comment déjouer les pratiques commerciales trompeuses ?
In inglese: Shrinkflation: How to Outsmart Deceptive Business Practices?
In spagnolo: Inflación encubierta: ¿cómo contrarrestar las prácticas comerciales engañosas?
Auf Deutsch: Shrinkflation: Wie man irreführende Geschäftspraktiken entlarven kann?
Quando bisogna togliere l'albero di Natale?
← Precedente Quando bisogna togliere l'albero di Natale?