gralon
Quali Sono Le Piante Migliori Per La Prostata?

Quali Sono Le Piante Migliori Per La Prostata?

L'iperplasia prostatica benigna o adenoma è una patologia che colpisce la metà degli uomini di età superiore ai 55 anni. Spesso viene ignorato, ma le medicine alternative come la fitoterapia possono aiutare ad alleviare l'ingrossamento della prostata, sia come misura preventiva che come complemento ad altri trattamenti.

Che cos'è l'adenoma prostatico?

L'adenoma della prostata, noto anche come ipertrofia prostatica benigna o iperplasia prostatica benigna (IPB), è un tumore benigno molto comune negli uomini di età superiore ai 55 anni.

L'ingrossamento di questa ghiandola non è grave, ma provoca disturbi urinari che influiscono sulla qualità di vita dei pazienti.

Infatti, oltre un certo volume, comprime l'uretra e ostacola il completo svuotamento della vescica. L'uso della fitoterapia è quindi interessante per alleviare questi fastidiosi disturbi urinari quotidiani.

Fortunatamente, la presenza di un adenoma non aumenta il rischio di sviluppare un cancro alla prostata.

Quali sono i sintomi?

Come già detto, l'iperplasia prostatica benigna o l'adenoma si manifestano principalmente con problemi urinari.

Quando la vescica si svuota meno bene, i pazienti lamentano una minzione frequente, soprattutto di notte.

Si riscontra anche difficoltà a urinare e un flusso debole.

Ora, alcuni farmaci a base di erbe possono aiutare ad alleviare questi sintomi riducendo il volume della prostata.

Quali piante possono aiutare ad alleviare la prostata?

Se siete alla ricerca di un modo per ridurre naturalmente le dimensioni della prostata, di seguito abbiamo elencato le migliori erbe per l'adenoma o l'ingrossamento benigno.

Il primo trattamento erboristico consiste nell'assunzione di Florida saw palmetto o Serenoa repens. Si tratta di un arbusto le cui bacche contengono steroli con effetto ormonale anti-androgeno.

Attenzione: questo trattamento non è raccomandato a chi assume anticoagulanti perché aumenta il rischio di emorragie.

È possibile combinare questo rimedio erboristico con un macerato concentrato di bocciolo di sequoia gigante. Si dice infatti che la gemma della sequoia gigante abbia un'azione decongestionante sulla prostata.

La cura consiste nell'assunzione di 15 gocce al giorno per 2 mesi, poi 3 settimane al mese per i successivi 4 mesi.

Inoltre, la radice di ortica (Urtica dioica) è nota per la sua capacità di sgonfiare la prostata. Si può assumere sotto forma di capsule o di estratto di pianta, piuttosto che come tisana, che potrebbe aumentare il desiderio notturno.

La radice di ortica contiene lignani che imitano gli ormoni femminili, ma la loro efficacia contro l'iperplasia prostatica benigna non è stata scientificamente provata.

Infine, i semi di zucca sono noti per ridurre il volume di questa ghiandola e facilitare la minzione. Per approfittare di questo effetto, non esitate a sgranocchiarne una manciata al giorno. Questi semi fanno comunque bene alla salute perché contengono fitosteroli e acidi grassi essenziali.

Quali sono le precauzioni d'uso?

Le persone che seguono un trattamento anticoagulante dovrebbero astenersi dall'assumere integratori alimentari a base di saw palmetto, poiché questa pianta aumenta il rischio di emorragie.

Altri rimedi naturali per l'iperplasia prostatica benigna non hanno controindicazioni.

D'altra parte, il ricorso alla fitoterapia non deve sostituire un consulto con il medico se avete difficoltà a urinare o stimoli pressanti che vi disturbano quotidianamente.

Solo questo professionista della salute può diagnosticare l'IPB ed escludere altre possibili cause. Con l'approvazione del medico, è possibile ricorrere a rimedi erboristici per alleviare i sintomi.

Autore: Audrey
Copyright immagine: H. Zell
In francese: Quelles sont les meilleures plantes pour la prostate ?
In inglese: What are the best plants for the prostate?
In spagnolo: ¿Cuáles son las mejores plantas para la próstata?
Auf Deutsch: Welche sind die besten Pflanzen für die Prostata?
Profumo e personalità: 5 consigli per scegliere la propria fragranza.
← Precedente Profumo e personalità: 5 consigli per scegliere la propria fragranza.