*
gralon
Giochi: Lego Introduce I Bambini Alla Robotica

Giochi: Lego Introduce I Bambini Alla Robotica

Dopo decenni passati a stimolare la creatività dei bambini con i mattoncini, il marchio di giocattoli Lego è diventato digitale. Il famoso gruppo danese offre ora kit per costruire un robot programmabile e introdurre i bambini alle gioie del coding e della robotica.

Innovazione in Lego

Da diversi anni ormai, il marchio di giocattoli Lego punta a competere con i giganti della tecnologia. Il CEO del gruppo danese, Niels Christiansen, ha triplicato le dimensioni del suo team digitale e sta reclutando i migliori ingegneri e designer per iniettare una sana dose di innovazione e creatività nei suoi giocattoli.

Il gruppo, che ha un fatturato di 7,5 miliardi di euro, in crescita del 27%, non si è adagiato sugli allori ma ha deciso di mettere l'innovazione al centro dei suoi investimenti.

Molti dei suoi prodotti hanno ora una dimensione robotica e digitale, come il kit Lego Boost, che dovrebbe introdurre i bambini al coding.

Questa scatola di giochi, presentata per la prima volta dal marchio al CES 2017 di Las Vegas, permette ai bambini di costruire un robot e di programmarlo.

Robot per tutte le età

Il robot qui sopra è uno dei cinque modelli che i bambini dai 7 ai 12 anni possono costruire con il kit Lego Boost.

Questo robot, chiamato Vernie, è il modello più complesso dei cinque. Utilizzando gli stessi componenti, motori e sensori, gli ingegneri in erba possono anche costruire un gatto, una chitarra, un trattore o un quadrupede.

Questo kit per la costruzione di robot è meno complesso del suo predecessore, il kit Mindstorms EV3, che richiedeva più abilità e pazienza ai bambini e ai loro genitori.

La gamma LEGO Mindstorms, che consente di costruire e programmare 17 robot diversi, è rivolta ai bambini dai 10 anni in su. Gli adolescenti ameranno il kit Mindstorms Inventor che è un robot a tutti gli effetti e non un semplice giocattolo.

La robotica in versione ludica

Il kit Lego Boost è adatto ai bambini dai 7 anni in su, poiché utilizza i classici pezzi Lego e le fasi di costruzione e codifica sono molto più semplici rispetto ai kit Mindstorms.

Nell'applicazione mobile fornita con il kit, i bambini troveranno le istruzioni che li guideranno passo dopo passo nella costruzione del robot.

Sempre sulla stessa app, dovranno scegliere e associare piccoli blocchi di codice a mo' di puzzle per far prendere vita al robot. Potranno farlo parlare, girare e persino cambiare colore... Questo gioco è quindi una buona introduzione, che permette ai più giovani di integrare alcune semplici basi di codice divertendosi.

Il Lego kit Star Wars edition è una buona alternativa per grandi e piccini a partire dagli 8 anni. Permette di costruire il famoso R2-D2 della saga di Guerre Stellari, ma anche un droide Gonk o un droide topo. È dotato di un'applicazione che consente di controllare questi robot a distanza utilizzando uno smartphone o un tablet.

Uno strumento educativo

Con i suoi giocattoli programmabili, Lego mira non solo a sviluppare l'immaginazione e le capacità dei bambini, ma anche a ispirarli a intraprendere una carriera.

Vale la pena di notare che più di 200.000 studenti e 30.000 gruppi di ricerca in tutto il mondo utilizzano i kit Mindstorms per l'insegnamento delle scienze, della tecnologia, della matematica o dell'ingegneria.

In pochi anni, il marchio danese ha rinnovato il modo di giocare con i suoi mattoncini. Ha sviluppato e commercializzato un'intera gamma basata sull'idea che i bambini debbano essere iniziati al coding informatico fin da piccoli.

Oggi è leader mondiale nel settore dei giocattoli robotici divertenti e adatti ai più piccoli.

Autore: Audrey
Copyright immagine: MemoryCatcher on Pixabay
Ulteriori informazioni: https://www.lego.com/fr-fr/themes/boost/about
In francese: Jeux : Lego initie les enfants à la robotique
In inglese: Games: Lego introduces children to robotics
In spagnolo: Juegos: Lego introduce a los niños en la robótica
Auf Deutsch: Spiele: Lego führt Kinder in die Robotik ein
Giocattoli: la tendenza delle story box
← Precedente Giocattoli: la tendenza delle story box