*
gralon
La Morte Di Lady Di: Un Evento Mediatico Globale

La Morte Di Lady Di: Un Evento Mediatico Globale

Domenica 31 agosto 1997, 25 anni fa, la principessa Diana è stata uccisa in un incidente stradale a Parigi. La tragedia fece scalpore nei media dell'epoca. Venticinque anni dopo, molti documentari rendono omaggio alla Principessa di Cuori in televisione e al cinema.

Un evento di livello mondiale

Diana Spencer, in arte Lady Di, è stata un'icona mondiale. Già durante la sua vita, la popolarità della Principessa Diana la rese il bersaglio preferito dei paparazzi e della stampa specializzata.

Ogni sua mossa veniva scrutata e commentata dai media. Poche settimane prima della sua morte, il 10 luglio 1997, la stampa rivelò la storia d'amore di Diana con Dodi Al-Fayed.

Il giorno in cui la principessa ha avuto la sua tragica fine, Twitter non esisteva e i canali di informazione erano agli albori. La mattina del 31 agosto 1997, intorno alle 6, i francesi appresero dalla televisione e dalla radio che la Principessa di Galles era morta all'età di 36 anni in un incidente stradale sotto il ponte dell'Alma a Parigi.

Questa impensabile scomparsa ha provocato un'esplosione mediatica in tutto il mondo e in particolare in Francia, dove si è verificato l'evento. Dietro le quinte, la notizia dell'incidente, avvenuto alle 12:30, circolava già da diverse ore...

Il giornalista Bruce Toussaint, che si trovava sul luogo della tragedia, è andato in onda in diretta su Canal+ intorno alle 2.30 del mattino per dare la notizia. È tornato in onda intorno alle 6 del mattino, una volta confermata ufficialmente la morte della principessa.

Un servizio inedito su TF1

Allertato nel cuore della notte, il direttore del telegiornale di TF1 Robert Namias ha deciso molto presto di andare in edizione speciale, anche se si sapeva ben poco e non c'erano testimoni dell'incidente.

Poiché la tragedia è avvenuta nel fine settimana, la presentatrice abituale, Claire Chazal, non era raggiungibile. È stato lo stesso Robert Namias, un radiofonico esperto di trasmissioni in diretta, ad apparire in televisione per annunciare la notizia e ad andare in onda per 6 ore ininterrottamente fino all'arrivo di Claire Chazal.

Quel giorno, per la prima volta, il canale TF1 ha dato una scossa al suo palinsesto e ha trasmesso notizie continue. Oggi tutti i canali lo fanno ogni volta che c'è un evento importante. Ma qui, quattro anni prima dell'11 settembre 2001, questo tipo di copertura mediatica era del tutto inedita.

Sempre su TF1, un giovane commentatore appassionato della famiglia reale faceva molte apparizioni. Quel giorno, il canale ha noleggiato un elicottero per rimpatriare Stéphane Bern, un giovane specialista di teste coronate che si trovava in campagna. Stéphane Bern ha quindi vinto il suo biglietto per la fama.

Molteplici tributi sul grande e piccolo schermo

Venticinque anni dopo, i media non hanno dimenticato la Principessa di Cuori, scomparsa troppo presto, solo un anno dopo il divorzio dal Principe Carlo.

Zona proibita trasmette non meno di 3 documentari sulla Principessa Diana nell'ambito di un programma speciale martedì 23 agosto alle 21.10. Il canale C8 ha anche ripercorso il viaggio di Lady Di dall'infanzia ai suoi ultimi giorni nel documentario Diana, histoire d'une princesse.

Stéphane Bern le ha dedicato un'edizione di Secrets d'histoire, in onda lunedì 29 agosto alle 21.10. Ha esaminato le ragioni che hanno portato Diana ad accettare di sposare il Principe Carlo. Questo programma dipinge il ritratto di una giovane donna che si nutre di romanzi rosa e sogna di incontrare il principe azzurro.

TMC ha ritrasmesso Diana, l'envers de la couronne e RMC Story ha proposto in prima serata venerdì 26 agosto Lady Di: enquête sur un destin tragique. Questo documentario ripercorre l'incidente e le teorie cospirative che lo circondano. Le circostanze dell'incidente nel tunnel dell'Alma hanno infatti ispirato una serie di teorie più o meno inverosimili che incriminano la famiglia reale, come una gravidanza nascosta, un attentato o il sabotaggio dell'auto.

Circolarono mille voci, rilanciate senza vergogna dalla stampa scandalistica britannica. Tuttavia, le due inchieste ufficiali, una francese e l'altra britannica, giunsero alla stessa conclusione: quella di un banale incidente stradale favorito dall'eccessiva velocità e dallo stato di ubriachezza del conducente della Mercedes, Henri Paul.

Inoltre, oggi esce al cinema un documentario diretto da Ed Perkins dal titolo The Princess. È composto esclusivamente da filmati d'archivio, alcuni dei quali mai visti prima, e ha richiesto un'enorme quantità di documentazione e montaggio.

.


Infine, non perdete lunedì 5 settembre alle 21.00 su France 5 la trasmissione di Diana, i sette giorni dopo la sua morte, un documentario che dà la parola ai principi William e Harry sui sette giorni che hanno separato l'incidente dal funerale di Lady Di.

Autore: Audrey
Copyright immagine: Robert Sullivan on Flickr
In francese: La mort de lady Di : un événement médiatique planétaire
In inglese: The death of Lady Di: a global media event
In spagnolo: La muerte de Lady Di: un acontecimiento mediático mundial
Auf Deutsch: Der Tod von Lady Di: ein globales Medienereignis
L'uomo della nostra vita: una miniserie francese da scoprire su M6
← Precedente L'uomo della nostra vita: una miniserie francese da scoprire su M6